Da un’osservazione della società moderna, appare evidente come il pluralismo religioso non sia affatto, come ritenuto da alcuni in passato, un fenomeno sociale transitorio o reversibile, bensì risulta essere un fatto profondamente radicato capace di ridefinire costantemente il contesto culturale di ogni Paese.

Le grandi Civiltà sono sempre state religiose. Tutte le culture umane, in tutti i tempi, a tutte le latitudini, sono sempre state religiose. Prima di essere insieme di usi e norme, la religione è un sentimento primordiale. La parola cultura così come la conosciamo nella società dei consumi, non esiste all’interno delle scienze storiche del mondo antico.