Viviamo su una scacchiera in bianco e nero, incapaci di muoverci da soli quando attorno si crea una nebbia grigia. Senza bussola, senza sestante, aspettiamo come orfani di burattinaio che le mani delle ideologie ci muovano avanti o indietro, di qua o di là.